Circolo Alchemilla | Lo stagno
77
post-template-default,single,single-post,postid-77,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,tribe-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Lo stagno

In Permacultura si dice che un ecosistema stabile dev’essere resiliente ovvero capace di resistere agli shock. Un aspetto necessario per ottenere questo è la multifunzionalità, un concetto chiave in Permacultura. Significa che ogni funzione dev’essere svolta da almeno 3 elementi e che ogni elemento deve svolgere almeno 3 funzioni. Un elemento che rappresenta per eccellenza la multifunzionalità è lo stagno, in quanto le relazioni che genera e le funzioni che assolve non si contano.

Lo stagno raccoglie l’acqua e dove c’è l’acqua arriva la vita, sempre e rapidamente. Richiama insetti che richiamano uccelli; questi lasciano le deiezioni al terreno contenenti sementi di altre piante non presenti nel luogo, aumentandone la biodiversità. Oltre agli uccelli, richiamando molti insetti, tra cui le api, aumenta anche l’impollinazione e la resa delle piante da frutto. Ma non solo, uno stagno richiama immediatamente rane e rospi che si nutrono, tra l’altro, di limacce, nemico numero uno degli orti. È una riserva d’acqua e mitiga quindi gli sbalzi termici; è un punto di riferimento e rifornimento per gli uccelli diurni e notturni, ospita un numero incredibile di animaletti diversi, dai molluschi agli insetti acquatici, per non parlare della flora acquatica che offre i colori più incredibili come le ninfee o i fiori di loto. Lo stagno è la meta dei bambini che non vedono l’ora di vedere pesci, libellule, farfalle, ma soprattutto i girini, le rane e magari qualche insetto mai visto prima. Lo stagno costa poco, ma anche se piccolo offre sempre grandi sorprese.

No Comments

Post A Comment